La Pastiera Napoletana
Ricette di Natale e Capodanno, Ricette di Pasqua

PASTIERA NAPOLETANA ricetta originale del dolce tipico della Pasqua

La Pastiera Napoletana è un must della pasticceria della mia amata Napoli. Per noi Napoletani non è Pasqua senza Pastiera fatta in casa, anche se in alcune case (come la mia) viene preparata anche nel periodo natalizio. Se si cammina nei quartieri di Napoli in questi periodi quei profumi intensi puoi sentirli nell’aria: canditi, acqua di mille fiori, cannella sono per me i profumi della Pasqua.

Pastiera Napoletana Ricetta Originale

E’ anche vero che la Campania è abbastanza estesa come regione e basta spostarsi di pochi chilometri per trovare una versione totalmente diversa o con l’aggiunta di altri ingredienti. Diverse sono le versioni che ho conosciuto come quella con crema pasticcera, quella di tagliolini o anche quella di riso. Tutte golose e diverse tra loro; quella che vi propongo oggi è la Pastiera Napoletana della mia famiglia, quella che si prepara ormai da anni in casa mia.

Ricetta Pastiera Napoletana

La Pastiera Napoletana
Stampa

Pastiera Napoletana

5 da 3 voti
La Pastiera Napoletana è uno di quei dolci che una volta assaggiato non lo scordi più. Un mix intenso ma delicato di profumi e sapori che ti toccano l'anima.
Portata Ricette di Natale, Ricette di Pasqua
Cucina Italian
Preparazione 1 ora
Cottura 1 ora 20 minuti
Riposo 8 ore
Tempo totale 2 ore 20 minuti
Porzioni 10 persone
Calorie 280kcal
Autore Vale

Ingredienti

  • 1 dose Pasta frolla con strutto

Per la cottura del grano

  • 560 gr  Grano precotto
  • 300 gr  Latte intero
  • Scorza di limone (intera)
  • 1 cucchiaio  Burro
  • 1 pizzico Sale

Per la crema di ricotta

  • 700 gr  Ricotta di pecora
  • 700 gr  Zucchero
  • Uova medie
  • Tuorli
  • 1 cucchiaio  Estratto di Vaniglia
  • 2 fiale Acqua Millefiori (o fiori d'arancio)
  • 1 bicchierino  Strega liquore (facoltativo)
  • 1 cucchiaino  Cannella in polvere
  • 50-70 gr  Arancia e Cedro canditi

Preparazione

  • Per la creazione della Pastiera Napoletana è bene anticiparsi di due giorni, uno servirà per la frolla che dovrà riposare tutta la notte in frigo, il secondo per la preparazione e la cottura, il terzo per gustarla al meglio; non tutti sanno che per alcuni dolci specie quelli con tanti aromi è importantissimo il riposo che dà tempo a tutti i profumi e i sapori di legare tra loro creando il loro gusto unico. La preparazione della Pastiera Napoletana non è complicata ma ammetto che è un po' lunga, non vi occorre essere bravi, solo avere pazienza.

Come fare la Pastiera Napoletana

  • Per prima cosa preparare la base della Pastiera Napoletana ovvero la frolla; la ricetta originale prevede una frolla allo strutto ma anche quella con burro andrà bene ugualmente. Io la preparo con la mia frolla con strutto, quindi preparare la frolla il giorno prima come da ricetta (clicca qui).

Cuocere il grano

  • Il giorno che dovrete preparare la Pastiera Napoletana, cominciare con la cottura del grano; unire in una pentola dal fondo largo il grano precotto, il latte, il pizzico di sale, il cucchiaio di burro e la scorza di limone. Portare a bollore mescolando e cuocere fino a che si otterrà una sorta di crema (circa 15 minuti) spegnere e lasciar raffreddare. Quando il grano sarà freddo eliminare la buccia di limone e accendere il forno a 200° modalità statico.

Preparare la crema di ricotta 

  • In una ciotola capiente unire la ricotta e lo zucchero e lavorare con delle fruste elettriche a bassa velocità oppure con una spatola, unire le uova una per volta e farle assorbire bene al composto sempre lavorando. A questo punto unire il grano alla crema di ricotta e aggiungere la vaniglia, l’acqua di Millefiori, il liquore (facoltativo), la cannella e amalgamare il tutto. Tagliare cedro e arancia canditi a cubetti aggiungerli al composto e incorporare. La tradizione vuole che che ci siano tutti questi pezzetti ma ovviamente potrebbero non piacere, quindi se così dovesse essere a questo punto lavorare di frullatore ad immersione e rendere il tutto cremoso.

Assemblare la Pastiera Napoletana

  • Tutto è pronto per poter comporre la vostra Pastiera, cominciare imburrando e infarinando lo stampo apposito di circa 24-26 cm di diametro, prendere la frolla dal frigo e trasferirla su un piano da lavoro ben infarinato e lavorarla, con un matterello stendere in una sfoglia di circa 6 mm, infarinare bene il matterello e arrotolare la frolla intorno ad esso. Velocemente ma con attenzione adagiare la frolla sopra lo stampo e aiutarsi con le mani a farla aderire bene in ogni punto. Tagliare i bordi in eccesso, punzecchiare un po' la base poi riempire con la crema ottenuta.
  • Stendere altra pasta frolla sempre in una sfoglia sottile e ricavare delle losanghe di circa 1 cm di larghezza con l’aiuto di una rotella taglia pasta. Posizionare le prime losanghe sulla vostra Pastiera in modo dritto facendo aderire bene le estremità sui bordi, ora posizionare la seconda parte di losanghe in modo trasversale ottenendo così i tradizionali rombi, cercando di far aderire le estremità.
  • Il forno sarà ormai caldo, abbassare i gradi da 200° a 170° e cuocere in modalità statica per circa 80 minuti, vale la prova stecchino che dovrà risultare asciutto. Ricordo che tempi e temperature sono indicativi dato che non tutti i forni sono uguali. Quando la vostra Pastiera Napoletana sarà cotta, sfornare e lasciar raffreddare completamente, prima di servire spolverizzare con dello zucchero a velo.

Note

  • La cottura della Pastiera Napoletana deve essere dolce e lenta, non abbiate fretta di farla cuocere finireste per non ottenere un buon risultato.
  • Una volta cotta la Pastiera Napoletana, quando sarà fredda coprirla con un canovaccio pulito e lasciarla riposare per almeno 8 ore. Questo è un dolce con tanti aromi che ha bisogno di riposo per rendere al meglio.
 
 
Pastiera Napoletana Ricetta Classica

Se non vuoi perdere nemmeno una ricetta e rimanere sempre aggiornato, salva nella rubrica del tuo cellulare questo numero (3516645064) sotto il nome di Deliziose Tentazioni di Vale. Vai nella chat di whatsapp scrivimi il tuo nome e cognome. Tutte le volte che pubblicherò una nuova ricetta la riceverai in anteprima proprio sul tuo cellulare.

Se questa ricetta ti è piaciuta lascia una valutazione, per altre ricette visita il sito deliziosetentazionidivale.it e se ti va lascia un commento.

ARTICOLI CORRELATI

RICETTE PIU' LETTE

19 Comments

  1. Francesca says:

    5 stars
    È un dolce eccellente!!!

    1. Grazie mille Francesca

      1. maria says:

        Ciao sono Maria dalla mia amata Romagna,ti faccio i complimenti per la tua pastiera che è piaciuta tantissimo!Tantissimi auguri di buona Pasqua

        1. Ciao Maria, sono davvero contentissima che vi sia piaciuta, auguro una serena Pasqua anche a te.

  2. Manuela says:

    Se non trovo estratto di vaniglia cosa metto. Grazie

    1. Puoi mettere l’essenza

      1. Manuela says:

        Io ho trovato bacca e vanillina.

        1. le bacche vanno benissimo

          1. Manuela says:

            Una intera o basta meno

          2. Anche mezza va bene

  3. Manuela says:

    5 stars
    Inoltre per ragioni di tempo riesco a farla giovedì è troppo presto visto che la mangerò domenica? Grazie

    1. In effetti sarebbe meglio il giorno prima, ma tienila in frigo coperta con carta argentata, vedrai che si conserva bene.

      1. Manuela says:

        Grazie mille

  4. Manuela says:

    Scusa le domande ma confrontando le quantità con altre ricette mi è venuto il dubbio che le tue siano per 2 pastiera o una teglia molto grande. Mi puoi dare conferma? Grazie

    1. Teglia 26, volendo anche 28 cm

  5. Manuela says:

    Le quantità indicate vanno bene per una stampo di 27 cm. Grazie

    1. Si riesci a farla di quella dimensione

  6. Anna Maria says:

    5 stars
    E” vero Valentina a Napoli le ricette della pastiera sono tante ma la tua e” la piu” buona in assoluto. Da una napoletana trapiantata in Toscana

    1. Anna Maria mi hai fatto un complimento bellissimo, ti ringrazio di vero cuore; lo sai per noi napoletani la pastiera è sacra, un abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Valuta la ricetta